Gino Bartali

In questi giorni in cui si sta svolgendo il 101° giro d'Italia, data anche la sua partenza singolarrmente "spirituale" da Gerusalemme, non sarà fuori luogo ricordare come il grande Gino Bartali, primissimo nei tornei di ciclismo, fosse anche terziario dell'Ordine Carmelitano, con tanto di nome religioso: fra Tarcisio di S. Teresa di Gesù bambino. La sua devozione alla nostra piccola grande santa è testimoniata in queste foto dei primi anni' 50 in cui lo si può vedere pellegrino al nostro Santuario di S. Teresina in Verona Tombetta.

0GEE

Il giorno seguente alla pubblicazione dell’ultima esortazione apostolica del Santo Padre Gaudete et exsultate, Radio Vaticana ha contattato P. Antonio Maria Sicari, presso il nostro convento di Brescia, per una breve intervista sull'argomento più significativo del documento: la chiamata universale alla santità nel mondo contemporaneo. La scelta dell’intervistato non è stata casuale, visto che tutta la produzione teologica di P. Sicari riguarda da sempre l’indagine sulla santità “come il volto bello e gioioso della Chiesa”, accessibile a tutti, e visto che l’esortazione presenta numerosi rimandi alla spiritualità carmelitana.

di P. Ermanno Barucco ocd

Cattura

Sviluppi iconografici e fulgore barocco: dai modelli greci al Dio cristiano

Un giorno sono andato a chiedere informazioni per far realizzare una cornice su misura per un quadro di San Giuseppe con il bambino. Mostrando all’artigiano una foto del dipinto, per fargli comprendere lo stile e capire così quale cornice sarebbe stata più adatta, egli ha detto: «Ah! Una paternità». La cosa mi ha stupito perché non avrei mai pensato di chiamare un San Giuseppe col bambino “una paternità”. Eppure quel termine andava in profondità, non solo come nome per indicare un tipo di iconografia, ma ben più in profondità nella vocazione e missione di san Giuseppe.

di P. Fabio Roana ocd

cropped-cropped-m16 prom-23-6-07 am36 10p15m st102x2 s53"I pilastri della creazione": fotografia scattata nel 1995 dal telescopio Hubble. Si tratta di colonne di gas interstellare e polveri visibili nella Nebulosa Aquila

È recente la notizia che un famoso astrofisico, Stephen Hawking, dopo aver affrontato per decenni il disfacimento del suo corpo causato da una malattia degenerativa, dando grandi frutti di conoscenza scientifica, è morto. I notiziari dicono che ha cercato di unire le leggi dell’infinitamente piccolo e dell’infinitamente grande in una teoria unificata dell’universo, una sorta di “formula di Dio”, come direbbe qualcuno, anche se in realtà, in quanto ateo, sembra che lo scienziato inglese non contemplasse la necessità del trascendente.

di P. Giacomo Gubert ocd

md17145090579Antonio Gramsci, Katherine Mansfield, Santa Teresa del Bambino Gesù

Traggo dall’oblio, per sorprendente scoperta, un affascinante libretto pubblicato nel 1952 in Roma dalle “Figlie della Chiesa” che celarono l’autrice con lo pseudonimo di “Diotima”. “Un eroe – una scrittrice – una santa”, scrive l’autrice, accomunati da “un prepotente senso dell’amore”.

La ribellione e l’amore

“Antonio Gramsci (1891-1937) rivolge questo amore agli essere umani, lo limita agli affetti, ai bisogni della terra”. Katherine Mansfield (1888-1923) “sente Dio, lo cerca, vuole trovarlo, e in questa ricerca muore senza aver trovato la risposta che le dia pace”.

“Anime inquiete, anime ribelli, che credono sia loro forza la ribellione, e impiegano tutta la volontà nel disperato sforzo di ribellarsi, giudicando vile la sommissione religiosa, e non intendono quanta volontà e quanto coraggio, fondati sull’Amore, occorrono per mettersi con piena fiducia e perfetto abbandono nelle mani della Provvidenza divina”.