di P. Stefano Conotter ocd

20180821 095648

Siamo partiti alla volta della Colombia - Stefania, Francesco, Annachiara ed io - come una piccola comunità itinerante alla scoperta delle Città di Dio, l’esperienza iniziata da padre Arcesio Escobar ocd. Ci siamo messi a disposizione delle diverse realtà incontrate condividendo momenti di vita quotidiana con le persone che vivono nelle Città di Dio che abbiamo visitato: La Gloria di Bogotà, la Fundacion Nino Jesus di Norcasia, El Arco Iris di Ospina Perez e la Città di Dio di Villa de Leyva, la prima nata, ma che noi abbiamo visitato per ultima come culmine del nostro cammino. Villa de Leyva è un po’ il paradigma e il centro dell’esperienza delle Città di Dio.

Un Giubileo ad Alençon con il Santuario della coppia e della famiglia

D8e073787-Panorama-1 cSatisfecit-Editions.fr

di Paolo Stefani e Cristina Pavanello

Oggi a mezzanotte tra il 12 e il 13 luglio, ricorreva il 160° anniversario del matrimonio di Zelia e Luigi, i genitori di santa Teresa di Gesù Bambino, proclamati anch’essi santi insieme nel 2015, due santi coniugi e genitori. Si sposarono infatti a quell’ora secondo l’uso di coloro che allora volevano una cerimonia davvero avvolta nell’intimità e nella preghiera.

di P. Fabio Roana ocd

Chicagelsomino

Qui va notato che finché l’anima non arriva a questo stato d’unione d’amore, le conviene esercitare l’amore sia nella vita attiva come nella contemplativa. Però, quando ormai arriva ad esso, non le conviene occuparsi d’altre opere ed esercizi esteriori che le possano impedire un punto di quella assistenza d’amore a Dio, anche se siano di gran servizio di Dio, perché un pochino di questo puro amore è più prezioso davanti a Dio e all’anima e fa più profitto alla Chiesa, anche se sembra che non faccia niente, rispetto a tutte quelle altre opere insieme (Cantico spirituale B 29,2)

marta

Ieri mattina, in diretta su Radio Vaticana, è andata in onda una breve intervista di Antonella Palermo a P. Fabio Silvestri ocd - Maestro degli Studenti nella nostra comunità di Brescia - come commento all'omelia tenuta il 17 maggio da Papa Francesco a S.Marta.

Penintezieria

Pubblichiamo l'intervento del Padre della nostra Provincia Antonio Maria Sicari all'importante Convegno pastorale di recente organizzato dalla Penitenzieria Apostolica (in vista del prossimo Sinodo dei Vescovi su "I giovani, la fede e il discernimento pastorale") intitolato: "Confessione, giovani, fede e discernimento pastorale" (Roma, 26-27 aprile 2018). 

Quando mi è stato proposto, in maniera descrittiva, il tema di questa relazione, mi è subito venuto in mente che si potevano legare assieme le tre tematiche interessate (la gioventù, la confessione e la santità) con quest’unica parola: Speranza.
Ricordavo un editoriale da me scritto su un quaderno di Communio (n.148) che dodici anni fa avevamo dedicato a questo tema, in cui mi ero soffermato proprio sulla Confessione, considerandola come il “sacramento della speranza cristiana”, dato che nella sua celebrazione continua ad accadere l’incontro tra la miseria di tanti peccatori, sempre tentati di deprimersi, e l’abbraccio instancabile del Padre celeste sempre nuovamente offerto.