di P. Ermanno Barucco ocd

san jose carmelitano

Il 18 marzo 1909 furono approvate da papa san Pio X una serie di “Litanie di san Giuseppe” costituite da formule brevissime sullo stile delle Litanie lauretane rivolte alla Beata Vergine Maria. Nei tre secoli precedenti ritroviamo numerose attestazioni di Litanie a san Giuseppe di vario genere, stile, lunghezza, numero e provenienza. Se si risale indietro nei secoli si scopre, a dire dello specialista josefino padre Tarcisio Stramare, che la prima testimonianza di queste Litanie, nel 1597, è carmelitana. In due libri pubblicati entrambi in quell’anno a Roma, l’originale spagnolo e la traduzione italiana, il Carmelitano (Scalzo) spagnolo fra Jerónimo della Madre di Dio (al secolo Jerónimo Gracián) riporta le «Letanie de S. Giosef» in uso presso la Compagnia di san Giuseppe dei falegnami e trascritte in un “libretto” edito dai confratelli falegnami di Perugia (l’originale non sembra essere stato ancora ritrovato).

di P. Fabio Roana ocd

WhatsApp Image 2020 12 07 at 16.36.24

L’8 dicembre di quest’anno 2020, solennità dell’Immacolata Concezione della B.V. Maria e 150° anniversario della proclamazione di San Giuseppe a Patrono della Chiesa universale, papa Francesco ci ha fatto il regalo di una meditazione in forma di lettera apostolica sul Custode del Redentore, intitolata Patris corde (Con cuore di padre), desiderando esprimere «ciò che nel [proprio] cuore sovrabbonda», per «accrescere l’amore verso questo grande Santo, per essere spinti a implorare la sua intercessione e per imitare le sue virtù e il suo slancio». Non solo, ma il papa ha indetto un Anno di San Giuseppe (8 dicembre 2020 - 2021), concedendo speciali indulgenze che sono state elencate in un apposito decreto della Penitenzieria Apostolica.

Per commemorare l'inizio della Riforma maschile del Carmelo, 28 novembre 1568, riportiamo l'articolo del nostro P. Fabio Roana scritto in occasione del 450° anniversario.

duruelo idjmp 31

«Aspetta un poco, figlia, e vedrai grandi cose» (F 1,8).
«Sapevo bene che questa era una grazia molto più grande di quella che mi faceva nel fondare case di monache» (F 14,12).
«Sento alle volte dire degli inizi degli ordini che, essendo le fondamenta, il Signore faceva maggiori grazie a quei nostri santi del passato. Ed è così. Ma dobbiamo osservare sempre che sono fondamenta di coloro che stanno per venire. Perché se quanti viviamo ora non fossimo caduti rispetto a quelli del passato, e quanti venissero dopo di noi facessero altrettanto, l’edificio resterebbe sempre saldo» (F 4,6).
«Ora cominciamo e procurino di andare cominciando sempre di bene in meglio» (F 29,32).
«Poche anime arrivano a tanto così, ma alcune ci sono arrivate, soprattutto quelle di coloro la cui virtù e il cui spirito si dovevano diffondere nella successione dei loro figli, dando Dio ricchezza e valore ai capi nelle primizie dello spirito, secondo la maggiore o minore successione che dovevano avere la loro dottrina e il loro spirito» (FB 2,12).

acarie

Questi esercizi spirituali sono stati scritti da fra Olivier Rousseau, ocd (del Convento di Avon presso Parigi) insieme ad un gruppo di lavoro carmelitano e si basano sulla vita esemplare, sugli scritti e sui pensieri di Barbe Avrillot in Acarie (in religione suor Maria dell’Incarnazione, carmelitana scalza), la «Bella Acarie». L’invio in lingua italiana è organizzato dai carmelitani austriaci in collaborazione con le Edizioni OCD di Roma e col nostro P. Giacomo Gubert.

CopertinaMind r

Segnaliamo la recente pubblicazione (Mindfulness. Un'opportunità per i cristiani? Edizioni Ares) del nostro P. Iacopo Iadarola ocd su un fenomeno sempre più dilagante in scuole, ospedali, aziende, conventi e parrocchie. Di fronte al suo diffondersi anche in àmbito ecclesiale, fra Iacopo si è chiesto se sia opportuno integrare tale pratica meditativa di origine buddhista nella vita e nella preghiera cristiana.