gambalungaPresentiamo ai nostri lettori questa breve intervista di Mariarosaria Petti a P. Romano Gambalunga ocd, Postulatore generale dell'Ordine e padre della nostra Provincia veneta, pubblicata sulla neonata rivista dedicata ai santi coniugi Martin, "Famiglia Martin". Sarà inoltre ospite della trasmissione Cristianità (Rai Italia) che andrà in onda domenica 18 ottobre e che avrà come argomento proprio la canonizzazione dei due santi genitori di S. Teresa di Lisieux. Per chi volesse approfondire la conoscenza di questa nuova coppia di santi, raccomandiamo la lettera del Padre Generale del nostro Ordine ad essi dedicata.

«La storia di Luigi e Zelia è uscita per me dalla genericità delle quattro notizie che qualunque carmelitano possiede, pochi mesi dopo essere diventato postulatore, nel 2012. Si stava infatti svolgendo a Valencia la fase diocesana del processo sul miracolo, allora presunto e ora felicemente confermato dal giudizio della Madre Chiesa»: è così che padre Romano Gambalunga, classe 1970 di origine trentina, ha conosciuto Luigi e Zelia Martin. Ordinato sacerdote nel 1997, il carmelitano è dal 2004 docente invitato al Teresianum. Nei primi mesi del 2012 frequenta i corsi organizzati dalla Congregazione per le Cause dei Santi ottenendone il Diploma e diventando Postulatore Generale dell’Ordine.

Icona famiglia Martin r

Riportiamo la lettera inviata dal Padre Generale all'Ordine per la canonizzazione dei coniugi Luigi e Zelia Martin, che avverrà Domenica prossima 18 ottobre. Scarica qui il testo completo.

 

di P. Gino Toppan ocd

teresadottora

L'inizio ufficiale del Quinto Centenario di S. Teresa d'Avila nella Provincia Veneta ha avuto come cornice il salone affrescato della Piccola Via di Tombetta.  E' stato un inizio solenne e bello con la relazione del Padre Provinciale e la testimonianza dell'attrice Pamela Villoresi. Poi nel corso dell'anno ci sono state altre occasioni che hanno permesso a molti di avvicinarsi e conoscere meglio la Santa Madre anche attraverso l'arte, la cultura e la musica. Persino i devoti del nostro santuario (dedicato a S. Teresa del Bambin Gesù) hanno iniziato a confondere di meno tra la Santa "Grande" e la Santa "Piccola"!

La chiusura dell'anno centenario non poteva deludere le attese. In particolare due sono gli avvenimenti che meritano di essere conosciuti

  • Radio Maria trasmette in diretta dalla Basilica (15 ottobre ore 7:30): Rosario, Lodi e S.Messa.
  • Concerto in Basilica (15 ottobre, ore 21:00). Programma:
    Francis Poulenc, Concerto en sol mineur pour 
    orgue,orchestre à cordes et timbales
    Paolo SavioLas Palabras de Teresa, Cantata per Soprano, coro femminile, arpa, archi e timpani - prima esecuzione assoluta. 
    Teresa Castal, soprano; Paolo Bacianella organo; Caterina Chiozzi, Arpa; Caterina Micheletti, timpani; Coro e Orchestra VERONA CLASSICA, direttore Paolo Savio.

albania

Pubblichiamo l'ultima lettera missionaria dei Padri Carmelitani (fra cui P. Adolfo Scandurra, della nostra Provincia veneta) in missione in Albania (Nënshat, vicino Scutari).

Scarica il testo qui!

di una volontaria

IMG 3954

So che dovrei iniziare questa descrizione del mercatino del libro usato dicendo che si svolge presso il convento dei Frati Carmelitani di Treviso, che è gestito dal Movimento Ecclesiale Carmelitano, da alcuni frati e da decine di giovani volontari che si mettono a disposizione per dare quest’opportunità sia alle famiglie più bisognose - che, soprattutto in questo periodo di crisi, hanno bisogno di risparmiare dei soldi - sia ai ragazzi che vendono i loro libri guadagnandoci qualcosa; e che va a favore anche di alcune missioni carmelitane, per esempio in Romania. 

peraltaconcerto

Il 13 settembre, a Gardigiano (TV), il gruppo Peralta, formato da 3 tecnici, 4 voci, una batteria, un basso, una chitarra, una tastiera, due lettori e un frate carmelitano (per le catechesi), ha eseguito il suo spettacolo intitolato “Non è per questo”. E' la terza replica di questo lavoro in cui, a partire da testi della letteratura e di canzoni di musica leggera, si parla del cuore dell'uomo e della sua ricerca della felicità.

lunettebrescia

Pubblichiamo qui di seguito le recensioni uscite sulla stampa e sui media di "Aut pati aut mori", la recente mostra sulle sei lunette restaurate del ciclo pittorico più bello della Brescia secentesca, della nostra chiesa di S. Pietro in Oliveto, avente come oggetto la vita di S. Teresa d'Avila.

 

 

 

 

AkLU0D8vSn7vjKE3cu5MZK4tBGzuB9fY6YRa2e7GcQ-n

Sabato 12 settembre, nella basilica veronese di S. Teresa di Gesù Bambino, si è svolta la celebrazione eucaristica in cui è stato ordinato presbitero P. Giuseppe Lauri, frate della nostra provincia veneta.fra Giuseppe A lui va l'abbraccio di tutti i confratelli e dei fedeli che gremivano il santuario, unitamente al duplice augurio fattogli nell'omelia da S.E. Mons. Enrico dal Covolo, rettore della Pontificia Università Lateranense e vescovo ordinante che ha presieduto la celebrazione: "Che due spine possa donare il Signore al tuo cuore: il dolore per l'indifferenza a Dio, il dolore per l'indifferenza all'uomo: solo così potrai essere il Buon Pastore di cui parla il Vangelo odierno, pronto ad evangelizzare il mondo di oggi". 

lunettebrescia

Dopo più di un anno di restauro il ciclo teresiano delle sei lunette della chiesa di san Pietro in Oliveto, che gli esperti affermano essere il ciclo pittorico più bello del seicento bresciano, potrà essere ammirato in tutta la sua ricchezza e bellezza. Infatti, prima di essere collocate definitivamente nella nostra Chiesa di S. Pietro in Oliveto, dall’8 settembre all’8 ottobre si potranno ammirare nel Museo Diocesano di Brescia. Accompagnerà l’esposizione una pubblicazione che ospiterà due saggi introduttivi sulla vicenda spirituale ed ecclesiale e sull’interesse culturale ed artistico suscitato nei secoli dalla santa di Avila, un intervento di carattere storico del sovrintendente Angelo Loda e, infine, il catalogo con le foto e delle puntualizzazioni offerte da esperti dei sei pittori che hanno realizzato il ciclo teresiano. 

Clicca qui per una visita "virtuale" delle sei lunette.