di Iacopo Iadarola

padresergioprimopiano

È appena trascorso, il 7 gennaio 2015, il trentesimo anniversario della morte di P.Sergio Sorgon, missionario carmelitano in Madagascar: l’Isola rossa nei cui  “fiumi si direbbe che scorre sangue”. Così si era espresso vedendo il paese dall’aereo che lì lo aveva portato nel 1969, insieme ad altri due padri, per impiantare la missione promossa dal Carmelo veneto. Non sapeva che, molto dopo - dopo 16 anni di infaticabile lavoro missionario, di costruzione di scuole e parrocchie in ruoli di alta responsabilità - in quei fiumi avrebbe versato il proprio sangue. Il 7 gennaio 1985 infatti, in circostanze ancore misteriose, sarebbe stato barbaramente ucciso per moventi certamente non irrelati al suo sforzo e al suo impegno appassionato per il riscatto e l’emancipazione del popolo malgascio. A questo riguardo, impiegava spesso il termine "malgascizzazione" per indicare quel lungo e faticoso processo culturale che si auspicava avvenisse per la nazione e per la Chiesa del Madagascar, processo tramite cui il popolo malgascio avrebbe dovuto diventare il protagonista e l'interprete delle propria fede, cultura ed economia - e non un passivo ricettore di istruzioni impartite dall'alto

di Iacopo Iadarola

thumb Jack Kerouac Naval Reserve Enlistment 1943E’ veramente incredibile constatare quanto la nostra S. Teresina sia stata in grado di addentrarsi nella terra desolata del nostro secolo alienato da Dio. A partire dal caso di Pranzini, l’assassino convertito sul patibolo dalle sue preghiere, S. Teresa di Gesù Bambino del Volto Santo non ha smesso di pregare per i fratelli più lontani e più impaludati nel peccato, secondo la commovente preghiera consegnataci nel Manoscritto C di Storia di un’anima: “Immaginiamo che io sia nata in un paese circondato da una fitta nebbia: mai ho contemplato l’aspetto ridente della natura, inondata, trasfigurata dal sole splendente; fin dalla mia infanzia, è vero, sento parlare di queste meraviglie, so che il paese in cui mi trovo non è la mia patria, che ce n’è un altro al quale devo aspirare incessantemente. Non è una storia inventata da un abitante del triste paese in cui mi trovo: è una realtà certa, perché il Re della patria dal sole splendente è venuto a vivere 33 anni nel paese delle tenebre. Ahimè, le tenebre non hanno affatto capito che questo Re Divino era la luce del mondo!... Ma, Signore, tua figlia l’ha capita la tua luce divina! Ti chiede perdono per i suoi fratelli. Ella accetta di mangiare per quanto tempo vorrai il pane del dolore e non vuole affatto alzarsi, prima del giorno che hai stabilito, da questa tavola piena di amarezza alla quale mangiano i poveri peccatori…Così ella può dire a nome suo, a nome dei suoi fratelli: Abbia pietà di noi Signore, perché siamo poveri peccatori!...Oh, Signore, rimandaci giustificati!... Che tutti coloro che non sono illuminati dalla luminosa fiaccola della Fede la vedano finalmente brillare…O Gesù, se è necessario che la tavola profanata da loro sia purificata da un’anima che ti ama, accetto di mangiarvi da sola il pane della prova fino a quando ti piaccia introdurmi nel tuo regno luminoso.”[1].

di P. Angelo Lanfranchi ocd

thumb B. M. Bouardy q5Beata Mariam BouardySabato 6 dicembre, papa Francesco ha autorizzato la Congregazione per le Cause dei Santi a promulgare il decreto riguardante il miracolo attribuito all’intercessione della beata Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Baouardy), monaca dell’ordine dei Carmelitani Scalzi; nata a Abellin in Galilea il 5 gennaio 1846 e morta a Betlemme il 26 agosto 1878.
Si tratta di un evento a lungo atteso, soprattutto da coloro che guardano alle vicende umane non con l’occhio superficiale che si sofferma su ciò che è effimero, ma è invece attento a ciò che resta per sempre.
René Schwob, uno scrittore francese di origine ebraica, le dedicò un libro dal titolo: Leggenda aurea al di là del mare, in cui definiva la vita di Mariam «una delle vite più meravigliose della storia del cattolicesimo». E concludeva con questo commento: «Ci sia permesso auspicare che questa piccola illetterata, quando sarà avvenuta la sua canonizzazione, divenga la patrona degli intellettuali. È ben qualificata per liberarli dall’orgoglio». Un altro celebre poeta e romanziere – quel Francis Jammes che si proclamava sempre «entusiasta del miracolo dell’universo» – scrisse di lei: «Era una vera figlia di oriente, che cantava le lodi del Creatore servendosi di immagini belle, ingenue», e l’ammirò tanto da spingere fino a scrivere al papa per chiederne la canonizzazione.

di Michele Ciapetti

 

mauriacFrançois MauriacQuando nel 1936 François Mauriac comincia a scrivere la sua Vie de Jésus, il genere è già ampiamente diffuso nella cultura europea, e per certi versi va incontro a una formalizzazione sempre crescente.

L'opera di Mauriac tende a distanziarsi dai modelli noti: dall'ingenua cristologia emotiva di Renan, dal clamore scientifico di Schweitzer, Strauss o Bultmann dalla «narrazione della crisi esistenziale» alla Papini.

Il tentativo di Mauriac è quello «di non strappare Cristo all'ombra che limita il nostro quotidiano»: guardando alla sua inevitabile presenza senza compiacersi di suscitare il fuoco di domande ulteriori a quella prototipica: «voi, chi credete che io sia?».

225px-Teresa of Avila dsc01644Pubblichiamo la parte iniziale dell'articolo scritto da P. Piero Rizza OCD, "Santa Teresa d’Avila nella letteratura dei secoli XIX-XX", tratto da A. Cazzago (ed.), Il Carmelo e l'arte (Quaderni Carmelitani, n. 24), Edizioni OCD, Roma 2009, pp. 125-149.   

E' possibile scaricare l'articolo completo in PDF cliccando qui

Introduzione

È universalmente riconosciuto il posto di rilievo che gli Scritti di Teresa d’Avila occupano nella letteratura e, in particolare, all’interno della letteratura mistica che ha in lei una delle esponenti di maggior spicco e interesse. Ma è anche lecito chiedersi qual è la risonanza che questo personaggio, vissuto nella Spagna del “Siglo de oro”, ma ancora estremamente attuale, ha avuto e continua ad avere tra gli scrittori e nei testi letterari. Correndo volentieri il rischio di anticipare tempi e risultati dell’indagine qui proposta, è già possibile affermare che Teresa gode di una certa fama nel mondo letterario. Basti, come unico esempio, ricordare che le opere della mistica spagnola erano tra le fonti di ispirazione e di riflessione per la scrittrice statunitense Flannery O’Connor (1925-1964). Qualcuno l’ha soltanto sfiorata, altri le hanno dedicato intere opere: questo non importa! Il dato è interessante in quanto permette di affermare che la letteratura non ha snobbato Teresa e che la santa avilana non è un’illustre sconosciuta nel panorama letterario.