di F. Iacopo Iadarola ocd

Joseph-Ratzinger-

Segnaliamo ai nostri lettori l'intervista di Benedetto XVI rilasciata a Elio Guerriero, pubblicata sull'Osservatore Romano del 24 agosto 2016. Data importante per noi carmelitani, perché vi si commemora l'inizio della Riforma del Carmelo, con la fondazione del primo monastero di Carmelitane scalze in Avila da parte di S. Teresa di Gesù.

di P. Aldino Cazzago ocd

giovannipaoloiiscapolare c

San Giovanni Paolo II è stato un fervente devoto della Madonna del Carmelo e dello scapolare vissuto come segno di un particolare  legame con lei. In occasione della festa della Madonna del Carmelo riportiamo alcuni dei più significativi testi dove il pontefice rievoca le origini e il significato di questo suo legame.  

di F. Iacopo Iadarola ocd

Non più contrapposti

23632

il 14 giugno nell'aula Giovanni Paolo II della Sala Stampa della Santa Sede si è tenuta la conferenza di presentazione dell'ultimo importantissimo documento della Congregazione per la Dottrina della Fede: Iuvenescit ecclesia, lettera indirizzata ai Vescovi della Chiesa Cattolica sulla relazione tra doni gerarchici e carismatici per la vita e la missione della Chiesa. L'importanza del documento è ravvisabile anche dal suo lungo periodo di gestazione, il quale, come ha ricordato il Card. Müller nel suo intervento, è cominciato nel 2000.

di F. Iacopo Iadarola ocd

Diapositiva3

Si è da poco concluso il ritiro spirituale guidato da Papa Francesco in occasione del giubileo dei sacerdoti, con tre meditazioni che ci paiono fra i testi più belli sinora prodotti dal Santo Padre. A ridosso della solennità del Sacro Cuore di Gesù, si è effuso ex abundantia cordis parlando da pastore a pastori, ma senza lesinare sapienza, immagini e ammonimenti capaci di andare dritti al cuore di ogni lettore, anche che non sia presbitero. Una vera gustosissima quintessenza del suo magistero. Ed era naturale, quindi, che in questa summa non mancasse un riferimento, duplice, alla sua "querita" Teresina, la nostra S. Teresa di Gesù Bambino del Volto Santo.

La prima citazione di Teresina è nella seconda meditazione delle tre, nel paragrafo intitolato Cuori ri-creati: "Il miglior confessore è di solito quello che si confessa meglio. Possiamo farci la domanda: io come mi confesso? Quasi tutti i grandi santi sono stati grandi peccatori o, come santa Teresina, erano consapevoli che era pura grazia preveniente il fatto di non esserlo stati". Il riferimento è alla famosa storia - raccontata nel Manoscritto A di Storia di un'anima, 38v° ss. - dell'abile dottore che, sapendo che suo figlio sta per percorrere una strada dove rischia di inciampare in un sasso, va e lo toglie. Così Dio avrebbe fatto con la stessa Teresina, alla quale non è stato perdonato molto, come alla peccatrice che lava i piedi di Gesù con le proprie lacrime, ma tutto, avendole tolto per pura grazia ogni possibilità di compiere quei peccati che - Teresina lo ammette - avrebbe potuto compiere. Non si smetterà mai di imparare, da questa sapientissima storia di Teresina, a riconoscerci miseri peccatori salvati per grazia (e per chi volesse contemplarla anche con gli occhi è possibile farlo tramite la mostra "In principio era la misericordia", allestita dalla nostra Provincia, visitabile on-line qui).

...attraverso un polittico della tradizione carmelitana e un testo di papa Francesco (Amoris Laetitia, n. 65)

polittico c

Fotografie e composizione: P. Ermanno Barucco ocd

Il Polittico di sant’Anna, madre della Vergine Maria, un’opera attribuita a Jan II van Coninxloo (1489-1555?) e conservato nella chiesa di Saint-Denis de Forest (Bruxelles), riprende anche alcuni episodi della tradizione carmelitana e permette così di contemplare i misteri principali della Santa Famiglia con uno sguardo carmelitano.