di F. Iacopo Iadarola ocd

Non ci sono parole ed è bene che non ce ne siano troppe per commentare la supplica in mondovisione di venerdì 27 marzo, in cui il Santo Padre ha fatto pregare e commuovere milioni di anime, facendo battere come mai forse prima d’ora quello che è il cuore del suo ministero e della sua ragion d’essere: confermare la nostra fede. Il vangelo scelto per la celebrazione è stato Mc 4,35-41: Gesù che sulla barca dei discepoli terrorizzati seda la tempesta.

di P. Ermanno Barucco ocd

st therese as sacristan

La situazione attuale dovuta al coronavirus e alle indicazioni delle autorità civili e dei vescovi per ridurre quanto più possibile la diffusione dell’infezione, impedisce a molti cristiani di partecipare alla celebrazione della messa e di ricevere frequentemente la comunione eucaristica.

cq5dam.web.800.800

Lo scorso 29 gennaio è cominciato un nuovo coinvolgente ciclo di udienze del Santo Padre sulle beatitudini evangeliche. Al nostro P. Fabio Silvestri è stato chiesto di commentare le parole di Francesco sulla prima beatitudine, sui poveri in spirito, nel programma "La finestra del Papa" andato in onda su Radio Vaticana lo scorso 6 febbraio.

di F. Iacopo Iadarola ocd

giovannidellacroce

Il messaggio del Santo Padre Francesco per la 53° giornata mondiale della pace è uno struggente inno alla speranza: “La pace è un bene prezioso, oggetto della nostra speranza, al quale aspira tutta l’umanità. Sperare nella pace è un atteggiamento umano che contiene una tensione esistenziale, per cui anche un presente talvolta faticoso «può essere vissuto e accettato se conduce verso una meta e se di questa meta noi possiamo essere sicuri, se questa meta è così grande da giustificare la fatica del cammino»[1]. In questo modo, la speranza è la virtù che ci mette in cammino, ci dà le ali per andare avanti, perfino quando gli ostacoli sembrano insormontabili”.

77080747 2523453081085818 339812770167914496 n

Durante la sua visita in Giappone appena conclusasi, papa Francesco ha incontrato una anziana monaca carmelitana che ha perso i suoi genitori e le due sorelle nel bombardamento atomico di Hiroshima e che ha espresso un accorato appello affinché cessi l'uso delle armi nucleari: "Papa Franesco ti amiamo tanto! Tutte le carmelitane del Giappone pregano sempre tanto per te!".