Searched tag: Teresa d'Avila

Il magistero di Teresa grazie al Card. Ballestrero

Creato il Mercoledì, 21 Ottobre 2020   »Magistero, Teresa d'Avila

terbal

In questo cinquantenario del conferimento del titolo di Dottore della Chiesa alla nostra Santa Madre Teresa d'Avila, nel 1970, ricordiamo i simpatici aneddoti attraverso cui vi si arrivò dalla viva voce del Servo di Dio Anastasio Ballestrero (tratto da Rivista di Vita Spirituale 39 [1995], 667-682).

Il magistero di Teresa di Gesù, Dottore della Chiesa: la preparazione immediata

Nel settembre 1995 abbiamo ricordato i 25 anni del Dottorato di S. Teresa di Gesù: la prima donna dichiarata Dottore della Chiesa. Prima di approfondire il significato ecclesiale e spirituale di questo avvenimento, credo che valga la pena raccontare qualche cosa che riguarda la sua attuazione e che ho avuto la fortuna di vivere personalmente.

Teresa d'Avila e il Rosario

Creato il Mercoledì, 07 Ottobre 2020   »Teresa d'Avila

Santa Teresa de Jesús. Museo del Prado 001

Per celebrare l'odierna memoria della Beata Vergine Maria del Rosario, nella novena in preparazione della Solennità della Santa Madre Teresa di Gesù,  riportiamo la voce "Rosario" del Dizionario di Santa Teresa curato dal grande Tomás Álvarez, Edizioni OCD:

Mettere la lampada sopra il moggio - 50° del Dottorato di Teresa

Creato il Giovedì, 24 Settembre 2020   »Teresa d'Avila, Magistero

di P. Stefano Conotter ocd

Anonimo XVIII secolo Toro Zamora Monastero di S. Giuseppe 001

Domenica 27 settembre del 1970 San Paolo VI riconosceva il titolo di Dottore della Chiesa a Santa Teresa d’Avila e una settimana più tardi, domenica 4 ottobre, anche a Santa Caterina da Siena. Notiamo che spesso per le “canonizzazioni” si raggruppano vari santi nello stesso giorno. Invece Paolo VI ha consacrato due domeniche consecutive per queste due sante donne, incaricate così ufficialmente di far risplendere la luce del loro insegnamento sulla Chiesa universale.

Comunione sulla lingua e nella mano: qualche precisazione per i tempi del coronavirus

Creato il Mercoledì, 09 Settembre 2020   »News, Magistero, Teresa d'Avila, Teresa di Lisieux

da La Stampa - Vatican Insider

di F. Iacopo Iadarola ocd

calcutta2

L’emergenza creata dal Covid-19 ha fatto affiorare la dolorosa necessità di rivedere le nostre abitudini in ogni campo dell’esistenza, comprese le nostre abitudini liturgiche. Lo scambio della pace durante la celebrazione eucaristica, ad esempio, in base agli accordi presi tra la Conferenza Episcopale Italiana e il Governo Italiano, è stato sospeso; così come la possibilità di segnarsi con l’acqua benedetta all’ingresso in Chiesa e di ricevere la Comunione sulla lingua.

Teresa d’Avila dottore per i bambini!

Creato il Sabato, 02 Maggio 2020   »Teresa d'Avila

Riportiamo l'intervista del nostro P. Stefano Conotter ad Anne-Marie Le Bourhis[1], in occasione del 50° anniversario della proclamazione di Teresa come Dottore della Chiesa (1970 - 2020).

Formazione di catechisti greco cattolici a Blaj nel 2014 JPG

Prima di tutto vorrei chiederti come è stato il tuo incontro personale con Teresa d’Avila, come e quando ti ha toccato ?

Ho scoperto Teresa d’Avila quando sono entrata nell’Istituto Notre Dame de Vie attraverso la mediazione del Beato Marie Eugène de l’Enfant Jésus, ascoltando le sue conferenze su di lei, sulla sua spiritualità e la lettura di “Voglio vedere Dio”[2], attraverso la vita del noviziato impregnata dalla sua spiritualità, e ovviamente leggendo le opere della Santa stessa. Così Teresa ha guidato i miei primi passi nella vita spirituale.

L'indulgenza straordinaria del Papa con santa Teresa e san Giovanni

Creato il Sabato, 28 Marzo 2020   »Magistero, Teresa d'Avila, Giovanni della Croce

di F. Iacopo Iadarola ocd

Non ci sono parole ed è bene che non ce ne siano troppe per commentare la supplica in mondovisione di venerdì 27 marzo, in cui il Santo Padre ha fatto pregare e commuovere milioni di anime, facendo battere come mai forse prima d’ora quello che è il cuore del suo ministero e della sua ragion d’essere: confermare la nostra fede. Il vangelo scelto per la celebrazione è stato Mc 4,35-41: Gesù che sulla barca dei discepoli terrorizzati seda la tempesta.

San Giuseppe, padre del Carmelo e medico del cielo

Creato il Giovedì, 19 Marzo 2020   »Teresa d'Avila

di F. Iacopo Iadarola ocd

05c090b911927745ce44d70aca35249a r

La solennità di san Giuseppe è celebrata nell'ordine del Carmelo almeno dalla seconda metà del XV secolo. Addirittura furono i carmelitani i primi a comporre nella Chiesa latina un'ufficiatura liturgica interamente dedicata al santo. Ecco una traduzione dell'introito della Messa del 19 marzo riportato nell'antico messale carmelitano: "Gioisci san Giuseppe, padre della Chiesa, tu che per doni spicchi fra tutti i padri: custode del Signore, sposo provvido della puerpera Maria, guida castissima; dall'alto dei cieli sii guida anche di noi supplici...".

Piccola catechesi sulla “comunione spirituale”

Creato il Lunedì, 09 Marzo 2020   »Teresa d'Avila, Teresa di Lisieux, Magistero

di P. Ermanno Barucco ocd

st therese as sacristan

La situazione attuale dovuta al coronavirus e alle indicazioni delle autorità civili e dei vescovi per ridurre quanto più possibile la diffusione dell’infezione, impedisce a molti cristiani di partecipare alla celebrazione della messa e di ricevere frequentemente la comunione eucaristica.

Il Cantico dei Cantici a san Remo, ovvero lo share del mistero

Creato il Domenica, 09 Febbraio 2020   »Teresa d'Avila, News, Carmelo & Cultura

di F. Iacopo Iadarola ocd

5f345eafb816080521cb387a761a3aef

“Stasera finalmente scopriamo una cosa: l’amore non è un mistero”

Amo Benigni: proprio di recente ho avuto modo di apprezzare le sue sagge interviste circa la bellissima trasposizione di Pinocchio di Matteo Garrone, in cui genialmente ha citato il cardinal Giacomo Biffi per ricordare che dietro i capelli della fata Turchina si nasconde il blu delle nostre madonne italiane.

Parte la “Scuola di orazione” a Bruxelles

Creato il Giovedì, 06 Febbraio 2020   »Bruxelles, News, Spiritualità carmelitana, Teresa d'Avila

di P. Stefano Conotter ocd

Priere famille 0 850 468

Nel 2020 ricorrono i 50 anni della proclamazione di Teresa d’Avila come «Dottore della Chiesa», prima donna assieme a Caterina da Siena. In quanto comunità teresiana ci siamo chiesti: come potremmo cogliere questa occasione per approfondire il nostro carisma e far meglio conoscere la nostra fondatrice, a soli cinque anni dalla celebrazione del quinto anniversario della sua nascita? Certamente non si tratta di ripetere le stesse iniziative di cinque anni fa, ma piuttosto di vedere ciò che significa l’attribuzione di questo titolo di “Dottore della Chiesa” alla nostra Madre. Vedo due dimensioni specifiche di questo significato.

Teresa d'Avila dottore della Chiesa: le felicitazioni di Karl Rahner

Creato il Giovedì, 26 Settembre 2019   »Teresa d'Avila, Carmelo & Cultura, Magistero

teresarahner

Segnaliamo ai nostri lettori un suggestivo testo di Karl Rahner a commento del conferimento del titolo di dottore della Chiesa a Teresa d'Avila, il 27 settembre 1970. Esso è stato pubblicato per la prima volta il 26 settembre 1970; lo si può trovare in K. Rahner, Frammenti di spiritualità per il nostro tempo, Brescia 1973, 151-155.

Teresa viene proclamata dottore della Chiesa. Questo precedente ha naturalmente un suo significato in rapporto al posto e alla funzione della donna nella chiesa. Il carisma dell'insegnamento diretto alla chiesa in quanto tale non è un privilegio dell'uomo. Con ciò viene contestata l'idea secondo cui la donna sarebbe priva d'ingegno sotto il profilo spirituale o religioso. Lo studio della teologia da parte della donna è quindi riconosciuto espressamente. Soprattutto non si deve considerare in contrasto il carisma e lo studio metodico della teologia.

Il Papa incontra i Carmelitani dell'Antica Osservanza

Creato il Sabato, 21 Settembre 2019   »Magistero, Giovanni della Croce, Teresa d'Avila

cq5dam.web.800.800

Segnaliamo ai nostri lettori il bellissimo discorso del Santo Padre Francesco tenuto stamane ai nostri confratelli dell'Antica Osservanza, riuniti a Roma per il capitolo generale che si sta svolgendo in questi giorni. Nell'allocuzione son citati tanto i "nostri" Giovanni della Croce e Teresa d'Avila quanto figure meno conosciute e interessantissime come il beato Angelo Paoli, carmelitano del XVIII secolo - è stato definito da san Giovanni Paolo II "il fondatore della Caritas a Roma" - che unì con sapienza e santità al carisma contemplativo proprio dell'Ordine un infaticabile servizio agli ultimi.

Cari fratelli!

Con gioia saluto voi, convocati per celebrare il Capitolo Generale, e, attraverso di voi, saluto tutti i membri dell’Ordine carmelitano. Il tema al centro della vostra riflessione capitolare è «Voi siete i miei testimoni» (Is 43,10); da una generazione all’altra: chiamati a essere fedeli al nostro carisma carmelitano (cfr Cost. 21).

Morirò d'amore

Creato il Sabato, 14 Settembre 2019   »Teresa di Lisieux, Giovanni della Croce, Teresa d'Avila, Carmelo & Cultura

di P. Fabio Roana ocd

51kuAAVjtkL. SX425

È il titolo, questo, di una canzone cantata da Giuni Russo al Festival di Sanremo del 2003 e che ha l’aria del «testamento musicale», pur risalendo in realtà a qualche anno prima (era stata scartata dalla giuria del Festival nel 1997), e comunque al tempo in cui la cantautrice aderisce «in maniera intima e appassionata alla spiritualità carmelitana», avvicinandosi a Teresa di Gesù (Moro perché non moro, Nada te turbe, Cercati in me), Giovanni della Croce (La sua figura), Teresa Benedetta della Croce (Il Carmelo di Echt) e alle carmelitane scalze di Milano (con cui registra La sposa).

Auguri Teresa!

Creato il Giovedì, 28 Marzo 2019   »Teresa d'Avila

Oggi ricorre il 504° compleanno della Santa Madre Teresa d'Avila. Vogliamo ricordarla con gli occhi di una bambina, la sua piccola nipote Teresita, di cui proponiamo ai lettori la testimonianza per il processo canonico del 22 gennaio 1596 (pubblicata sul numero 12 della rivista della Provincia veneta Quaderni Carmelitani).

2-2

di Teresa de Ahumada

Sono nipote della madre Teresa di Gesù, sono figlia di un suo fratello. L'ho conosciuta personalmente e ho trattato e comunicato con lei per otto anni, tutte le volte che la santa Madre venne in questa casa. L'accompagnai da Siviglia fino al monastero di S. Giuseppe di Avila e, dopo alcuni giorni, partii con lei per la fondazione di Burgos. Nell'ultimo anno di vita della santa Madre stetti sempre con lei e fui presente alla sua morte, nella città di Alba. Era nata ad Avila; suo padre si chiamava Alonso Sanchez de Cepeda e sua madre Donna Beatrice de Ahumada.

La firma carmelitana di papa Francesco

Creato il Sabato, 16 Febbraio 2019   »Giovanni della Croce, Magistero, Teresa d'Avila

di P. Fabio Roana ocd

papafirma 1

Ci è stato segnalato più volte in carmeloveneto.it come papa Francesco ricorra volentieri alle esperienze e alle parole dei santi del Carmelo. Proprio in questi giorni ne abbiamo avuto la riprova leggendo alcuni suoi discorsi. Proviamo però a osservare in che modo egli ci metta del suo.

Rosalía canta Giovanni della Croce per milioni di millennials

Creato il Mercoledì, 12 Dicembre 2018   »Teresa d'Avila, Giovanni della Croce, Carmelo & Cultura

di P. Fabio Roana ocd

2018-12-12 08 39 50-Greenshot

Che immagine sono in grado farsi oggi i giovani dei territori mistici esplorati dai santi carmelitani? Navigando nella rete può capitare di imbattersi nel videoclip di Aunque es de noche (Anche se è notte) firmato dall’artista digitale Ignasi Monreal, illustratore surrealista che lavora nella moda, per Rosalía Vila Tobella, classe 1993 - e scoprire che al momento stanno superando quota sette milioni e mezzo le visualizzazioni di questa interpretazione che la cantante di flamenco di Sant Esteve Sesrovires (Catalogna) ha elaborato e prodotto con il chitarrista e arrangiatore Raül Fernández Miró, alias Raül Refree.

Santi ribelli...e carmelitani

Creato il Venerdì, 07 Dicembre 2018   »Giovanni della Croce, Teresa di Lisieux, Teresa d'Avila, News, Carmelo & Cultura

blog-800x400

Segnaliamo l'uscita in libreria di una simpatica raccolta di brevi presentazioni di santi "ribelli" (fra cui si annoverano numerosi carmelitani e carmelitane: Elia, Teresa di Gesù, Giovanni della Croce, Teresa di Gesù Bambino, Kinga della Trasfigurazione: giovane monaca ungherese morta nel 2009 e di cui è imminente la pubblicazione in Italia del diario per le edizioni OCD). Dall'introduzione del curatore Giuseppe Signorin: 

Underground è una pubblicazione annuale collettanea realizzata da appassionati e rivolta ad appassionati, ma anche a persone semplicemente curiose, che magari hanno voglia di essere contagiate dalle nostre passioni. Nasce con l’obiettivo di proporre un’alternativa culturale fondata sulla radicalità del messaggio cristiano. Questo primo volume raccoglie testi di vario genere e lunghezza sulle vere personalità “underground” della storia: i santi. Sono loro i “ribelli”, quelli che vanno controcorrente. Come dice san Paolo: «Non conformatevi alla mentalità di questo secolo, ma trasformatevi rinnovando la vostra mente, per poter discernere la volontà di Dio, ciò che è buono, a lui gradito e perfetto» (Rm 12,2). 

28 novembre 1568. La gioia dell’inizio (450° anniversario della Riforma dei Carmelitani Scalzi)

Creato il Domenica, 25 Novembre 2018   »Spiritualità carmelitana, Giovanni della Croce, Teresa d'Avila

di P. Fabio Roana ocd

duruelo idjmp 31

«Aspetta un poco, figlia, e vedrai grandi cose» (F 1,8).
«Sapevo bene che questa era una grazia molto più grande di quella che mi faceva nel fondare case di monache» (F 14,12).
«Sento alle volte dire degli inizi degli ordini che, essendo le fondamenta, il Signore faceva maggiori grazie a quei nostri santi del passato. Ed è così. Ma dobbiamo osservare sempre che sono fondamenta di coloro che stanno per venire. Perché se quanti viviamo ora non fossimo caduti rispetto a quelli del passato, e quanti venissero dopo di noi facessero altrettanto, l’edificio resterebbe sempre saldo» (F 4,6).
«Ora cominciamo e procurino di andare cominciando sempre di bene in meglio» (F 29,32).
«Poche anime arrivano a tanto così, ma alcune ci sono arrivate, soprattutto quelle di coloro la cui virtù e il cui spirito si dovevano diffondere nella successione dei loro figli, dando Dio ricchezza e valore ai capi nelle primizie dello spirito, secondo la maggiore o minore successione che dovevano avere la loro dottrina e il loro spirito» (FB 2,12).

La festa di Santa Teresa ad Avila

Creato il Lunedì, 15 Ottobre 2018   »Teresa d'Avila, Carmelo & Cultura

di P. Fabio Pistillo ocd

DSC02771

La festa  di oggi è il coronamento del primo Giubileo in onore di Santa Teresa d'Avila. Dopo la ricorrenza del V Centenario dalla nascita della santa spagnola (1515-2015), il Giubileo teresiano, iniziato il 15 ottobre dell’anno scorso, conclude un anno di festa e di grazie. La festa di Santa Teresa è particolarmente sentita ad Avila, con una partecipazione che va oltre quella della popolazione cittadina, richiamando pellegrini da ogni luogo.

Tutto ad Avila parla di Teresa. Avila è la città di Teresa e lei è la santa, la signora, di Avila. La festa della patrona di Avila è ricca di suggestione e densa di significati simbolici. Partecipando, subito ci si rende conto della  connotazione mariana della festa di Teresa. 

San Paolo VI proclama Santa Teresa d'Avila Dottore della Chiesa

Creato il Giovedì, 05 Febbraio 2015   »Magistero, Centenario, Teresa d'Avila

terpaosesto

di P. Fabio Pistillo ocd

Per commemorare la solennità della Santa Madre Teresa d'Avila, quest'anno ricorrente il giorno immediatamente seguente a quello in cui viene canonizzato il papa Paolo VI, possiamo ascoltare una parte della sua omelia per la proclamazione di santa Teresa dottore della Chiesa il 27 settembre 1970. Il Pontefice con una buona pronuncia spagnola pronuncia queste epocali parole: “Santa Teresa è la prima donna a cui la Chiesa conferisce il titolo di Dottore”.

Qui di seguito riportiamo il testo tradotto dell'omelia e il testo originale: