Mantova

 CHIESA DI SANTA TERESA E SAN GIUSEPPE

d0834d5e7e0f197117c401411b442912

Via Giuseppe Mazzini, 42 – 46100 MANTOVA

Orario di apertura:
Mattino dalle ore 7 alle 12
Pomeriggio dalle ore 16 alle 19.30

Orario delle SS. Messe
Feriali ore 7.30 – 9 – 18.30 
Prefestiva ore 18.30
Festive ore 7.30 – 9 – 11 – 19

Orario per le confessioni:
Nelle ore di apertura della Chiesa.

Contatti:
Tel. 0376 329400


CENNI STORICI

I Carmelitani Scalzi della Provincia Lombarda arrivarono a Mantova nel 1646 grazie alla reggente Maria Gonzaga. La prima pietra del convento e della chiesa attuali furono poste nel 1661 e nel 1668. Verso la fine del XVIII secolo, in clima di rivoluzione francese, i frati dovettero lasciare Mantova e nel 1805 il convento passò al comando militare. Durante il dominio austriaco esso venne adibito a carcere. Qui trascorsero gli ultimi giorni prima di essere impiccati, il 7 dicembre 1852, alcuni dei patrioti martiri di Belfiore. Sul finire del secolo i Gesuiti subentrarono come proprietari del convento e custodi della chiesa, rimanendo qui una quarantina di anni (nella chiesa sono ancora visibili tracce del loro passaggio), fino al ritorno dei Carmelitani, questa volta della Provincia Veneta, nel 1936. Dal 1945 fino al 1968 il convento svolse la funzione di casa di noviziato. Esso è ampio, con celle disposte su due piani attorno a un chiostro-giardino.

chiesa-EFFECTS

La chiesa, intitolata a Santa Teresa e San Giuseppe, ha tutta l’esuberanza dello stile barocco con elaborate decorazioni a stucco, belle cancellate in ferro battuto, marmi policromi soprattutto nelle quattro cappelle. La prima cappella a destra è dedicata a San Giovanni della Croce, compatrono di Mantova dal 1728. La seconda è la cappella della Beata Vergine del Monte Carmelo (con statua lignea di Ferdinando Perathoner del 1956). La Sacra Famiglia è al centro della prima a sinistra, dove si trova anche un’urna con la statua di Santa Teresa di Gesù Bambino. Nella seconda a sinistra la tela di Domenico Canuti (1680) raffigura Gesù che appare a Santa Teresa di Gesù. Il presbiterio e l’abside sono separati da una scenografica parete con un ciborio in marmo di Giovanni Battista Bianchi (1688) e con statue lignee di due angeli e dei santi titolari, Teresa e Giuseppe, di Guglielmo Dolce (1690). Alle pareti di presbiterio e coro sei grandi tele di Filippo Gherardi si ispirano a episodi della vita di santa Teresa. La sagrestia si segnala per un bell’altare in noce di un intagliatore locale (secolo XVII).

cantici

Brescia, sabato 3 novembre, ore 20.30 e Mantova, domenica 4 novembre, ore 20: La musica nuova incontra san Giovanni della Croce. Nelle chiese dei nostri conventi in queste due città verrà eseguito il Cantico espiritual per soprano solo, gruppo vocale, due violini, violoncello, organo e voce recitante, con testo di san Giovanni della Croce (1542-1591) e musica di Cecilia Vettorazzi (1959).

Su tutti i giornali del mantovano l'altroieri è comparsa la notizia della morte di Riccardi Visioli, giovane "ragazzo-farfalla" (viene così chiamato in gergo medico chi è affetto da una rara malattia della pelle, l'epidermolisi bollosa) che ha affrontato con una fede commovente e luminosa il suo terribile male. Un frate del nostro convento di Mantova racconta la grazia di averlo conosciuto.

di F. Marco Sgroi ocd

marcoriccardo

Simbolo di una fragile grazia e di una delicata bellezza, la farfalla ispira, da sempre, la vitalità festosa della creazione. La gioia di un amore che volteggia tra la rugiada dei campi, tra il profumo dei fiori, tra i fili d’erba che, innalzandosi dal basso, cercano di grattare la pancia del cielo nell’estremo orizzonte. Quanti colori! Quanta vivacità! Meraviglia del creato e sussulto innocente dello spirito. Eppure, tutta la bellezza della farfalla è sprigionata proprio dalla sua grande fragilità, dalla sua immensa delicatezza.

di F. Samuele Donà ocd

tutti insieme

Ritrovarsi insieme al vescovo di Mantova per ringraziare del dono di s. Giovanni della Croce

I santi creano quasi inevitabilmente intorno a sé un seguito più o meno evidente di persone che, seguendo la loro strada, cercano il Signore. Questo piccolo miracolo di comunione ecclesiale si è ripetuto ieri nel convento carmelitano di Mantova per la solennità di s. Giovanni della Croce. La celebrazione eucaristica è stata infatti presieduta dal vescovo della città, mons. Marco Busca, con la presenza del Provinciale, p. Aldino Cazzago, e di numerosi frati provenienti da vari conventi. Non si è trattato solo di una visita per celebrare un grande mistico, quanto piuttosto di un incontro tra amici, che si riuniscono per onorare un eccezionale santo e testimone dell’amore di Dio.

presbiterio-mantovaSabato 28 marzo 2015, noi fratelli carmelitani scalzi della comunità di Mantova abbiamo festeggiato il compleanno della nostra Santa Madre Teresa di Gesù, insieme con la fraternità del terz’Ordine, coi giovani del gruppo “Vieni e Vedi”, che si ispira alla spiritualità del Carmelo e agli affezionati fedeli, che hanno partecipato numerosissimi alle celebrazioni programmate per il prestigioso anniversario. Una bella immagine ritraente una Santa Teresa intenta a scrivere le Sue opere su ispirazione dello Spirito Santo è stata esposta fin dal primo mattino e per tutto il giorno alla devozione dei fedeli, preparati per tempo alla solenne ricorrenza. Alla santa messa delle ore 18:30, da noi concelebrata, abbiamo sottolineato i tratti salienti del riformatore messaggio teresiano.