Giovannifrancesco

Per commemorare la festa di S. Francesco d'Assisi pubblichiamo un recente contributo di F. Iacopo Iadarola ocd su un confronto tra il Cantico di frate Sole di S. Francesco e il Cantico spirituale di S. Giovanni della Croce, pubblicato su Il Santo. Rivista francesca di storia dottrina arte 58 (1-2/2018), 227-251.

Nell'enciclica Laudato si' di Papa Francesco campeggia naturalmente il Cantico di frate Sole di san Francesco, ma a questo viene affiancato, al n. 234, un esteso riferimento al Cantico Spirituale di san Giovanni della Croce. Seguendo questo indizio, la presente indagine approfondisce il retroterra teologico e biografico dei due santi e dei due canti, facendo tesoro in particolare di uno dei più grandi insegnamenti lasciatici dal padre del Carmelo riformato: "la conoscenza delle creature tramite Dio". 

In questa conoscenza "teopatica", legata allo stadio mistico del matrimonio spirituale, viene ravvisata una preziosa chiave di lettura per comprendere tanto il Cantico Spirituale quanto il Cantico di frate Sole in un'ottica in cui il creato possa essere pienamente valorizzato evitando interpretazioni di stampo eccessivamente ambientalista da una parte e di stampo eccessivamente ascetico dall'altra. Nel giusto mezzo sta il rapporto nuziale tra Dio e la sua creatura, relazione che coinvolge attivamente il creato e di cui i versi e le vite dei due santi sono gemellare e complementare testimonianza per tutti i fedeli. Questa visione equilibrata e innamorata del creato nel suo Creatore, guadagnata alla scuola dei due mistici, può costituire un fondamentale apporto alla "conversione ecologica" invocata da Papa Francesco nella sua enciclica, a "una mistica che ci animi" e senza la quale si ricadrebbe in uno sterile moralismo "verde".

Clicca qui per scaricare l'articolo.