L'io e Dio

 

“L’io e Dio”. Si intitola così la serie di contributi che propongono un approccio culturale all’io contemporaneo e al suo rapporto con Dio. L’appuntamento è ogni 15 giorni.

 

di P. Ermanno Barucco ocd

transitosangiuseppe restaurato Benedetto Luti Monte Santo r

Perché la morte?

In questi giorni stanno morendo tante persone a causa del (nuovo) coronavirus, soprattutto anziani ma anche gente più giovane. Nessuno può ritenersi immune dal virus e dalla morte, anche se fortunatamente di bambini e di giovani defunti non se ne registrano o se ne registrano assai pochi. La morte, che pensavamo di aver allontanato da noi grazie alla scienza e al progresso umano, si è fatta di nuovo vicina.

di P. Fabio Silvestri ocd

DJmtw5BX0AEROow

Come l'erba sono i giorni dell'uomo, come il fiore del campo… / Lo investe il vento e più non esiste e il suo posto non lo riconosce” (Sal 112,15). Avremo già sentito chissà quante volte queste parole del Salmo e, chissà quante volte, le abbiamo pregate. Ma è diverso rileggerle e pronunciarle oggi, mentre il timore per il contagio del coronavirus sta cambiando le preoccupazioni e il senso delle nostre giornate.

di P. Aldino Cazzago ocd

DrFsPqjW4AAj1N4

«Ho imparato a sentire interiormente la presenza di Dio e a comprendere quanto grandi siano i miracoli. Forse, non ho ben compreso tutto quello che mi capitava. Ma penso fino in fondo che Dio ha trasformato la mia vita in un miracolo».

di P. Ermanno Barucco ocd

Battistero 5

"In principio era il dia-logo… il dia-logo era Dio…"

Nel Libro del Siracide (cf. Sir 24,1-4.12-16) la Sapienza è collocata nell’eternità con Dio, mentre Dio dialogava con lei e insieme a lei creava il mondo. Questa immagine della Sapienza prefigurava ciò che san Paolo afferma nel famoso inno della Lettera agli Efesini (cf. Ef 1,3-6.15-18): san Paolo afferma che in Gesù Cristo noi tutti siamo stati pensati, amati dall’eternità e poi creati, redenti e fatti figli secondo un disegno eterno di Dio.