L'io e Dio

 

“L’io e Dio”. Si intitola così la serie di contributi che propongono un approccio culturale all’io contemporaneo e al suo rapporto con Dio. L’appuntamento è ogni 15 giorni.

 

di F. Francesco Alloisio ocd

1.-enero-750x350

Giovani e Chiesa

Tra l’adolescenza e la maturità di ciascun uomo trova il suo spazio l’età della giovinezza. La Chiesa, ancora oggi, si pone in ascolto dei giovani con un atteggiamento di accogliente maternità e di fiduciosa speranza, anche attraverso forme specifiche come il Sinodo dei Vescovi (Roma, 3-28 ottobre 2018) sul tema “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”, la Giornata Mondiale della Gioventù (Panama, 22-27 gennaio 2019) e il recente incontro su “La protezione dei minori nella Chiesa” (Roma, 21-24 febbraio 2019).

di P. Marco Sgroi ocd

cristicchi

«Adesso chiudi dolcemente gli occhi e stammi ad ascoltare...

...sono solo quattro accordi ed un pugno di parole / più che perle di saggezza sono sassi di miniera / che ho scavato a fondo a mani nude in una vita intera». Con queste parole si aprono le finestre dell’anima di Simone Cristicchi e della sua Abbi cura di me, canzone in gara alla 69° edizione del Festival di Sanremo dedicato alla canzone italiana.

di F. Iacopo Iadarola ocd

 DSC8372-001

La luna, ab immemorabili, è simbolo della Chiesa madre e sposa, astro che riflette la luce di Cristo, il Sole suo sposo che la vivifica e la feconda. I Padri si sono effusi in immagini di vertiginosa poesia per esprimere questo mistero: mysterium Lunae è il celebre capitolo di Hugo Rahner che esaustivamente ce lo ricorda, sciorinando incantevoli citazioni che spaziano da Erma a Beda1.

di P. Ermanno Barucco ocd

Arcabas Natale© Arcabas, by SIAE 2019.

“Il Polittico dell’infanzia di Cristo” di Arcabas

L’arte sacra contemporanea può farci contemplare il mistero di Dio che si è fatto uomo? C’è bisogno allora di un’arte bella, di un’arte “cristiana”, non solo nel tema scelto ma anche nel modo di rappresentarlo. C’è bisogno di un’arte che nasce dalla fede in Cristo e che si sviluppa come un “vangelo in immagini”. C’è bisogno di un’arte che ci apra alla preghiera e la sostenga. L’arte di Arcabas (1926-2018), pittore francese contemporaneo recentemente scomparso, ne è un’espressione. Arcabas è un nome d’arte, il suo vero nome è Jean Marie Pirot.