L'io e Dio

 

“L’io e Dio”. Si intitola così la serie di contributi che propongono un approccio culturale all’io contemporaneo e al suo rapporto con Dio. L’appuntamento è ogni 15 giorni.

 

di P. Ermanno Barucco ocd

gesu insegna-nella-sinagoga

Buon anno. Buon 2018. Felice anno nuovo. Santo anno. Santo? Abbiamo le formule “Santa Pasqua” o anche “Santo Natale” e questo può aiutarci magari ad augurare “Santo anno”, senza confonderlo con l’“Anno santo” che è il Giubileo proclamato dalla Chiesa per riscoprire la misericordia di Dio in alcuni anni particolari.

Ma “Anno santo” può diventare l’augurio “Santo anno”? Dobbiamo forse riandare all’episodio in cui Gesù, riprendendo il profeta Isaia, aveva proclamato di essere il consacrato inviato da Dio ad annunciare “un anno di grazia del Signore” (Lc 4,19; Is 61,1-2), l’anno giubilare della pienezza dei tempi.

di P. Aldino Cazzago ocd

reading-2605384 960 720

Alcuni giorni fa sono entrato in una libreria appartenente a una delle più grandi catene di distribuzione libraria, il cui riferimento culturale, una volta, si sarebbe detto di sinistra. In particolare uno degli scaffali ha attirato la mia attenzione. In bella mostra, perché sufficientemente distanti uno dall’altro per essere ben visti da tutti, vi erano esposti una serie di libri tutti dedicati ad un tema che mai mi sarei aspettato trovasse una speciale, e per me inusuale, attenzione in quella libreria. Si trattava di una decina di testi tutti dedicati al tema del silenzio. Tre di essi avevano come autore un monaco buddista, tre erano di taglio socio-culturale, due di matrice filosofica, uno di uno studioso di letteratura e l’ultimo di un sacerdote e di taglio biografico e spirituale.

Perché il Salvator mundi di Leonardo è invisibile?

800px-Leonardo da Vinci or Boltraffio attrib Salvator Mundi circa 1500

di P. Ermanno Barucco, ocd

L’abbaglio non sono i 450 milioni di dollari per un’opera d’arte, pur di Messer Leonardo da Vinci. L’abbaglio non è il fatto che si discuta se questo dipinto sia autentico, cioè del Maestro o solo di un discepolo, o di entrambi, come accadeva nelle botteghe dei pittori di un tempo.

di P. Aldino Cazzago ocd

diomisura«Io penso che, grazie alla diffusione mondiale che oggi internet consente, entro qualche decina di anni non ci sarà più bisogno di credere nell’esistenza di un Dio. Oggi nessuno crede più a Zeus, Vulcano, Posidone. Fra poco anche il Dio cristiano sarà relegato nei miti. Solo che in questo momento di passaggio credo che scienziati e religiosi dovrebbero avere un dialogo».

Questa dichiarazione non è tratta dagli scritti di un filosofo neopositivista del secolo scorso, convinto che la sola forza del progresso avrebbe finalmente liberato l’uomo dall’ingannevole idea dell’esistenza di Dio. Questo proclama  non è neppure l’eco di qualche vecchio slogan di leniniana memoria, teso a dimostrare la falsità della fede religiosa. Non è stato forse Lenin a scrivere che  «l’impotenza delle classi sfruttate nella lotta contro gli sfruttatori genera la fede in una vita ultraterrena migliore»? Alla recente fiera del libro di Francoforte, ad esprimersi in questi termini è stato il noto scrittore americano Dan Brown durante la conferenza di presentazione del suo ultimo romanzo.